Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito é impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies.
Istruzioni per l'uso
1.
Se non sei ancora registrato fallo subito
2.
Compila la scheda di registrazione e i codici degli assegni in tue mani
3.
Ricerca la tua prossima vacanza
4.
Fai la tua richiesta di preventivo gratuita
5.
Tocca con mano quanto hai risparmiato con gli assegni
  • minislide01
  • minislide02
  • minislide03
  • minislide04
  • minislide05
  • minislide06
  • minislide07
  • minislide08

Le richieste più assurde dei viaggiatori

Richieste assurde in viaggio

Le più divertenti idee di viaggio non vengono da romanzi o film, ma da esigenze reali di viaggiatori reali.

Queste sono, infatti, solo alcune delle richieste impensabili o meglio impossibili segnalate dagli agenti di viaggio e operatori del turismo...buona lettura!.

Categorie: Viaggiare informati

...Che follia!

Il materiale è molto e decisamente vario.

 

Ci sono le "richieste impossibili (o quasi) da soddisfare": raggiungere Parigi atterrando a Marsiglia, emettere un biglietto aereo per un ossario e soggiornare in una camera vista mare a Marrakech. In questa sezione rientrano i viaggiatori più fantasiosi. Chi vuole fare una vacanza di 5 giorni e 7 notti e chi, invece, ha voglia di trascorrere un weekend in Australia, con partenza da Roma. Perché poi non desiderare un posto "vista mare" sul treno Milano-Roma.

 

C’è poi la sezione "è sempre meglio chiedere". Un lungimirante viaggiatore, che doveva partire per un corso di lingua all'estero, ha chiesto se "la famiglia che mi ospiterà in Francia ha la Tv?". Un altro, che doveva effettuare un corso di lingua con alloggio in famiglia a Malta, ha precisato: "La famiglia che mi darà alloggio non deve essere russa".

Nella categoria "richieste logistiche più strane" rientrano i viaggiatori che fanno fatica a separarsi dal proprio mezzo di trasporto. Il turista che cerca a tutti i costi un cargo per trasportare la sua moto negli Stati Uniti e chi è convinto di arrivare guidando la propria auto fino al Cairo.

Infine ci sono i "viaggiatori informati". Chi cerca la vie Lumiere a Parigi, chi vuole sapere l'esatto punto dove si sono aperte le acque in Mar Rosso e chi vuole sapere in aeroporto a quale cecchino deve rivolgersi.

La richiesta più "flessibile"? "Vorrei andare ovunque per una settimana o dal 12/08 al 19/08, o dal 19/08 al 25/08. Un posto che si debba raggiungere senza aereo perché ho paura, senza auto perché non vogliamo prenderla, no Calabria perché ho la casa, no Puglia e Sardegna. Max 400 € a persona". Semplice no?

In volo...

Tra le richieste più incredibili spicca sicuramente quella di chiedere d’aprire il finestrino a bordo, come se ci si trovasse tranquillamente in auto, in treno o su un bus. Altra frase memorabile è stata senza dubbio quella di chiedere d'abbassare il rumore dei motori in quanto disturbava il riposo di uno dei passeggeri.
Un passeggero inglese una volta invece ha voluto dimostrare il suo incredibile rispetto per la corona inglese, chiedendo di non passare troppo vicino al castello di Windsor per evitare di disturbare la regina, lamentandosi al contempo del fatto che l'aeroporto di Londra Heathrow era troppo attaccato alla tenuta reale. Una delle richieste più esilaranti è senza alcun dubbio quella di un passeggero che ha chiesto alla crew di un aereo che stava sorvolando Nizza, se era possibile cambiare rotta e passare per Monaco, così da poterla ammirare dall'alto. Qualche passeggero un pò viziato si è invece lamentato delle hostess poco attraenti sul suo volo e un altro ha chiesto un servizio di parrucchiere a bordo. Infine un passeggero ha chiesto dove fossero le docce a bordo, presenti invece sui voli di lusso di Emirates.

E i reclami?

E se le domande lasciano senza parole, non sono da meno i reclami.
Il migliore? La richiesta di rimborso di un signore che lamentava di non aver partecipato all’"escursione termica" prevista durante il suo viaggio in Egitto e se poteva essere rimborsato. Al secondo posto, chi ha perso l'aereo perché l’amico non ha trovato l'obliteratrice per il biglietto. Sul podio anche il deluso che, avendo prenotato una settimana a Djerba, non ha trovato ad aspettarlo in Tunisia un live di "Dj Erba".

News