Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito é impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies.
Istruzioni per l'uso
1.
Se non sei ancora registrato fallo subito
2.
Compila la scheda di registrazione e i codici degli assegni in tue mani
3.
Ricerca la tua prossima vacanza
4.
Fai la tua richiesta di preventivo gratuita
5.
Tocca con mano quanto hai risparmiato con gli assegni
  • minislide01
  • minislide02
  • minislide03
  • minislide04
  • minislide05
  • minislide06
  • minislide07
  • minislide08

Vegetariani e vegani in viaggio

Vegetariani e vegani in viaggio



Per i vegetariani e vegani, a volte trovare il posto adatto per una cena durante la propria vacanza può convertirsi in un terno al lotto. Ci sono però delle eccezioni che farebbero venire l'acquolina in bocca a chiunque..


Categorie: Viaggiare informati

I paesi più accoglienti

Una delle esperienze più intense di un viaggio è quella dell’incontro con la gastronomia tipica del luogo che si visita. Di solito, i viaggiatori esperti sono anche quelli che da un punto di vista alimentare sono più aperti, curiosi e pronti a sperimentare. Ma come la mettiamo con chi ha fatto la scelta di non mangiare animali o prodotti di origine animale?

Prima di partire

Come sempre il miglior consiglio è iniziare a prepararsi al viaggio di nozze prima di partire, cercando le informazioni che ci servono su internet o in agenzia, magari scrivendosi una lista di indirizzi utili dove mangiare. Oggigiorno non mancano i siti nei quali trovare ristoranti vegetariani e vegani ai quattro angoli del pianeta. Come primo passo si può dare uno sguardo al sito dell'IVU - International Vegetarian Union, sul quale è possibile ricercare non solo ristoranti e alberghi veggie-friendly, ma anche altre iniziative come festival o sagre a giro per il mondo. Esistono poi numerose guide per vegetariani e vegani, per diversi paesi. 

 

Difficile può essere viaggiare in altri continenti, soprattutto quando non se ne conosce la lingua. In questo caso la cosa essenziale, prima di partire, è imparare nella lingua locale le frasi indispensabili a comunicare nei ristoranti, come le espressioni ''non mangio carne'', ''senza burro'' o ''senza formaggio'', ad esempio. A questo proposito, è stato pubblicato un opuscolo, Vegan Passport, nel quale in ben 73 lingue diverse si spiega molto chiaramente cosa i vegani mangiano e non mangiano: sarà sufficiente mostrare al ristorante la pagina nella lingua locale per riuscire ad avere un piatto privo di prodotti animali.

 

Per quanto riguarda il viaggio in aereo, oggigiorno la maggior parte delle compagnie di volo servono anche pasti per vegetariani. La cosa migliore è richiedere che il vostro menù sia vegetariano/vegano al momento della prenotazione, per poi riconfermare il menù e ricordare la vostra richiesta al momento del check in.

I paesi
India

In particolare l’India del Sud, dove la carne è bandita dalla maggior parte delle tavole. Da queste parti verdure, legumi e cereali, miscelati con masala e curries, la fanno da padrone per dare vita a piatti deliziosi oltre che sani e leggeri. I dosa, crepes di farina di riso, e i dhal, creme di lenticchie gialle o rosse, sono la base dell’alimentazione della regione. Ai vegani conviene fare tappa in Kerala, meraviglioso luogo e patria della cucina ayurvedica, una dieta a base di cereali, legumi, verdure e aromi accostati secondo le loro proprietà digestive, tonificanti, disinfettanti e terapeutiche. Pare abbia degli effetti estremamente benefici, provare per credere!

Thailandia

Evento imperdibile per i duri e puri del vegetarianesimo è il Festival Vegetariano di Phuket, che si svolge verso la fine di settembre e vede i devoti partecipanti purificarsi infilandosi aghi nelle guance, cantando cantilene e entrando infine in trance. Non si capisce bene come questo strano rito sia legato alla dieta vegetariana, ma la cosa più importante è che qui potrete assaggiare i fantastici piatti preparati per l’occasione. Finito il festival, la cucina thailandese continuerà a riservarvi piacevoli (vegetali) sorprese.

Turchia

Pensate che in Turchia si mangi solo kebab? Niente di più lontano dalla realtà. Questa fantastica terra è pronta a sorprendervi piacevolmente con un’offerta gastronomica varia e gustosa. Un ottimo esempio è il meze: una specie di antipasto con piccole porzioni di verdure marinate e cotte, cereali, insalate, fritti vari e naturalmente salse in quantità. Melanzane, pomodori, olive e formaggi vari fanno la gioia degli amanti della dieta mediterranea.

Marocco

Le varianti vegetariane dei piatti tipici sono semplicemente squisite! Come i tajine di frutta, il classico cous cous di verdura o la Harira, una zuppa tradizionale con ceci e lenticchie veramente deliziosa. In generale, la cucina marocchina è tra le migliori del mondo, quindi sia che optiate per un ristorante sia che scegliate di lanciarvi sullo street food, troverete facilmente quello che fa per voi. E se non lo trovate, potete sempre riempirvi la pancia con il Khubz, il buonissimo pane locale!

Grecia

E per chi vuole rimanere in Europa? Quasi ovunque sono ormai diffusi bar e ristoranti vegetariani e vegani, specialmente nelle grande città, ma forse i paesi più veggie-accoglienti sono quelli del Sud. In Grecia in particolare si utilizzano tantissime verdure: zucchine, melanzane, pomodori e peperoni. Ottimi i dolmades, foglie di vite ripiene di riso, cipolle e pomodoro con erbe aromatiche, la tyropitakia, formaggio fuso cotto al forno in piccoli triangoli di pasta sfoglia e tutte le ricche insalate

 

Fonti: Blog eDreams e Easyviaggio

News